La chirurgia orale comprende:

Chirurgia parodontale – e’ la branca della chirurgia dentale che si occupa dei tessuti di sostegno del dente, che possono essere colpiti da varie patologie quali parodontite o piorrea. In casi simili si effettuano interventi rigenerativi di osso e gengiva (con applicazione di materiali anallergici e bio o, in alternativa, di membrane di ricostruzione)

Chirurgia pre-implantologica – e’ il ramo della chirurgia dentale che si occupa della correzione di anomalie ossee e gengivali e prepara la cavita’ orale all’inserimento di impianti. Per realizzare la ricostruzione dell’osso mascellare e mandibolare vengono utilizzati materiali sintetici biocompatibili o l’osso prelevato direttamente del paziente stesso (distretti intra-orali);

Chirurgia muco-gengivale – il compito di questo settore di chirurgia orale e di occuparsi di patologie gengivali tramite riposizionamento coronale e innesti di tessuto prelevato dal palato del paziente, allo scopo di eliminare eventuali imperfezioni e risolvere i problemi di sensibilità dentale.

Chirurgia estrattiva – si occupa dell’estrazione di denti, radici, residui radicolari, denti inclusi nelle ossa mascellari, denti del giudizio.

Chirurgia endodontica – si occupa dell’apicectomia, ovvero dell’asportazione dell’apice della radice dentale infetta (granuloma).